Nasce dall’amore di una madre cosicche si inventa un attivita cosicche le permetta di stare per mezzo di i suoi bambini.

Nasce dall’amore di una madre cosicche si inventa un attivita cosicche le permetta di stare per mezzo di i suoi bambini.

Un bambino e un’impresa creativa, un’arte piuttosto affinche una materia – B.Bettelheim –

“Cosi una stellina grande e due con l’aggiunta di piccole si tatuano sul mio torace preciso vicino al animo durante controllare verso indicare per me e verso coppia bambini dove anelare la loro madre giacche non c’e ancora. Quella Stellina e Stefi mia sorella. verso lei ho intitolato il dimora avvertito perche verso la mia immaturo periodo e per i titudine non sono trionfo verso sostenerla. Una tenero genitrice affaticata, lei in quanto da nondimeno mi ha noto prendere mediante braccio”. – Giovi –

La Stellina e un rifugio un po’ eccezionale, modo tutte le cose giacche vengono dal animo.

Nasce nel 2005, dal piano e dalla tormento di Giovanna Parimbelli affinche lo omaggio alla sorella Stefania, acerbamente perdita.

Dalla abnegazione durante un’eta meravigliosa e delicata, quella affinche va dagli 0 ai 3 anni, cosi fondamentale nello incremento dell’individuo. Nasce dal ambizione di eleggere la diversita, in i bambini, verso le famiglie, di indovinare debolezza e fatiche davanti cosicche non solo abbondante in ritardo, di conferire probabilita a coloro in quanto contrariamente non ne avrebbero.

Ciononostante specialmente nasce dall’idea giacche non ci siano limiti alle cose in quanto si possono adattarsi, nel caso che veramente lo si vuole. Da quando il dimora apre Giovanna – precisamente infermiera serio – consegue altre due lauree, una mediante scienze dell’educazione ed una con psicoanalisi nosocomio. La muove il amore di munire al casa insieme il base psicopedagogico essenziale.

Utilizza gli strumenti teorici acquisiti per disporre sopra valido la sua pedagogia, qualita di scelte didattiche innovative ricche di contaminazioni, vedendo durante presente una immensa prosperita, pero modo tutte le sperimentazioni ha vivace un qualunque rimprovero da chi ancora conformista. Critiche giacche hanno di continuo piu stimolato una istruzione teorica giacche potesse darne le opportune spiegazioni scientifiche, una pedagogia, dunque, addensato definita scelta eppure costruita verso basi teorico-scientifiche e perche attualmente vede attuata con numerose realta territoriali e nazionali.

Il rifugio attualmente

L’asilo ricovero La Stellina ha una capacita recettiva scaltro verso 45 bambini con contemporanea eppure che possono aumentare riconoscenza alla variazione in mezzo a part time, e si avvale della appoggio di una decina di educatrici, almeno da proteggere un rapporto pedagogo marmocchio ben al di vicino dello standard richiesto di 1:8.

Dispone di una struttura di approssimativamente 450 mq suddivisa mediante sezioni aperte, un sartoria di belletto ed un giardino aspetto di 200 mq attrezzato mediante giochi e tane.

Giovanna affianca il fatica di coordinatrice ed educatrice affinche svolge quotidianamente per colui di esperto psicologica e pedagogica, nonche di responsabile ed operatrice di pet therapy, mantenendo collaborazioni insieme Unibg con ricercato di ricognizione e seminari.

Clima famigliare e straordinarieta di ogni piccolo

Il dimora sin dall’inizio ha agognato produrre un situazione comune, per cui qualunque marmocchio, e le rispettive famiglie, si sentano accolti mediante le loro preziose straordinarieta, si sentano ascoltati nei loro bisogni individuali.

Il numero di educatrici consente di poter dedicare ogni tempo opportunita al conversazione ed al confronto.

Le educatrici, con ostinato istruzione, mettono per sistemazione la propria serieta durante un condizione informale; la vaglio di muoversi chiamarsi “zie” nasce dal amore di azzerare, addirittura solitario oralmente, le distanze entro professionisti ed educatrici, un sistema durante abitare co-attori contemporaneamente alle famiglie. Attuale e un nodo su cui pieno Giovanna e le educatrici si sono fermate per rimandare e in quanto negli anni hanno continuo a appoggiare.

“apprezzato a chi e dedicato il proponimento La Stellina, all’incirca ho immagine metaforica il mio capitare “zia” parecchio consapevole, all’interno del rifugio, certa di non svilire il coraggio specialistico di ogni singola educatrice”, ritiene Giovanna.

I genitori la mattinata accompagnano i bambini fin all’interno le stanze, non ci si naia all’ingresso ne sull’uscio; possono comunicare con le educatrici, c’e il eta verso un amplesso, un bacio e attualmente unito nell’eventualita che non alt, ragione per dirsi “a risentirci a posteriormente richiede tempo” e per ognuno in sistema differente. Quando vengono a riprenderli – nel dopo pranzo – possono fermarsi quanto vogliono a gareggiare con loro. L’idea e quella di creare una connessione a tre con il casa, il marmocchio e la classe, mediante atteggiamento da accettare l’ambientamento e afferrare eventuali fatica – ancora dei genitori – sul spuntare.